Un successore per Plone Article

Plone Article, completamento spesso imprescindibile per Plone, ha ormai il fiato corto, raptus.article promette di essere il suo degno successore.

Per costruire contenuti web in Plone basta usare le sue "pagine" e lavorare nell'editor visuale.

Ma quando la pagina contiene immagini e allegati da scaricare iniziano i dubbi..

"come faccio a caricare questi file, che semplice testo non sono?"

La risposta è semplice per chi conosce Plone, basta:

E se Plone non lo conosco? Plone Article!

Per quanto usare Plone sia molto semplice, chi non ha ancora chiaro come funziona potrebbe avere problemi a caricare immagini e file, e a collocarli nella pagina finale con una disposizione coerente e gradevole.

Per questo motivo le precedenti versioni di Plone erano spesso "corredate" da Plone Article, una delle estensione più gettonate di sempre. L'utente crea il suo articolo, dopo di che aggiungere immagini e allegati, e disporli in un ordine "coerente" è questione di pochi e chiari clic.

Gli anni passano, e non c'è traccia di un maintainer ufficiale, sebbene il prodotto sia Open Source, nè di rifattorizzazioni per adeguare il prodotto alle evoluzioni della tecnologia (cfr. breve storia di plone).

Per questo, data la situazione, mi sono messo a valutare un "successore" dell'ormai vetusto Plone Article per la versione 4 di Plone.

A caccia di un successore: arriva Raptus Article

Dopo un po' che cercavo, quasi rassegnato a un porting "rapido e sporco", mi sono imbattuto in raptus.article.

L'intento dichiarato nell'introduzione del developer manual mi piace:

"Obiettivo principale di raptus.article è di fornire al gestore di contenuti una serie di componenti d'interfaccia pre-configurati, che possano essere usati per costruire l'impaginazione dei propri documenti."

NB: componente d'interfaccia non è inteso nel senso della architettura a componenti di Zope 3, sebbene quella sia la tecnologia con cui sono costruiti.

Insomma, a prodotto installato (e bada bene di partire installando raptus.article.default) quello che abbiamo di base è un content type chiamato Article, che sostituisce le pagine standard di Plone, capace di contenere immagini, file e altri article.

L'article ha un tab chiamato "components" contenente una lista di possibili componenti d'interfaccia che possono essere attivati a piacere. Ogni componente fa comparire nella pagina finale uno specifico elemento: la lista degli allegati contenuti dall'articolo, l'immagine principale dell'articolo in una posizione standard, la lista degli articoli correlati, una galleria con le immagini dell'articolo, etc.

Ogni articolo può essere presentato all'utente nella forma migliore, sulla base di quali componenti vengono attivati.

Ricreare l'esperienza del vecchio Article

Per lo sviluppatore ricreare le funzionalità base del vecchio article è piuttosto semplice.

I singoli componenti sono attivati nel layout controllando la presenza di una marker interface: è sufficiente uno script che applica una serie predefinita di marker interface sull'article per ottenere in un colpo solo un layout "predefinito". Tale script può essere impostato in modo da essere richiamato con facilità mediante il menù vista dell'article.

Oltre il vecchio Article

I componenti d'interfaccia di raptus.article sono dei viewlet Zope 3.

Questo permette a raptus.article di essere facilmente esteso, e in pypi si trovano già una serie di plugin molto interessanti (date uno sguardo alla documentazione), tra i quali vi segnalo quello per gestire le mappe google.

Altra cosa interessante è che ogni article permette di generare al suo interno altri article, dando vita a meccanismi di navigazione piuttosto avanzati tra i contenuti.

Qualche considerazioni prima di finire

Partiamo dal fatto che dal punto di vista funzionale e implementativo raptus.article mi piace.

Una prima nota riguarda l'uso spinto della Component Architecture: da tempo intuisco l'indicazione di non abusare del registro dei componenti, e di sicuro raptus.article si appoggia completamente alla ZCA.

Una seconda nota devo farla in virtù dell'evoluzione di Plone. Il fulcro di Plone 5 sarà Deco: quanto sarà complicato migrare i nostri contenuti e i nostri porrtali fuori standard Plone creati con raptus.article?

Ultima considerazione: man mano che la lista di plugin installati si allunga, le opzioni nel tab "components" diventano numerose, e l'utente potrebbe fare una certa fatica a trovare la sua configurazione tipo, con questa versione dell'interfaccia.

Per il resto, attendo i vostri suggerimenti e considerazioni..

Share this on

Share |

On same topics

Commenti

comments powered by Disqus