Mosaic vuole offrire a utenti e sviluppatori del cms Plone un modo di composizione delle pagine più potente e flessibile.

Report dal Plone Mosaic sprint di Barcellona, ecco i risultati.

Mosaic vuole offrire a utenti e sviluppatori del cms Plone un modo di composizione delle pagine più potente e flessibile.

Il Mosaic Sprint compie un importante passo avanti per la gestione delle pagine prodotte da Plone: lo sviluppo di Deco, sospeso da oltre due anni, era molto vicino ad un concreto risultato finale, e Mosaic riparte da quelle basi.

Mosaic in sintesi.

happy mosaic

Mosaic vuole dotare Plone di un editor per le pagine capace di ragionare per componenti visuali. Nel comporre la pagina, l'utente aggiunge e gestisce i singoli elementi con facilità, posizionandoli sulla griglia CSS. Date un'occhiata a questo video per capire cosa intendo.

Mosaic fornisce una serie di elementi di base (titolo, snippet HTML, immagine, ...), a cui gli sviluppatori possono aggiungerne facilmente di personalizzati (gallerie di immagini, applet per l'inserimento di video player, box con allegati, ...).

Gli stessi meccanismi possono essere usati anche per definire il layout per la pagina nel suo complesso, semplificando notevolmente il modo di personalizzare gli elementi fissi come logo e footer, anche via web.

Inoltre, con Mosaic è facile scegliere il layout da applicare alla pagina tra una serie di layout disponibili, sia a livello di singolo contenuto che per il layout da applicare globalmente alla pagina. Questo permette di risolvere casi attualmente difficili, come le landing page o i siti Plone che ospitano sotto siti che devono avere un aspetto diverso tra loro.

Cosa si è fatto a Barcellona.

Rob ha tolto la polvere accumulata su Deco, dopo aver capito con gli altri come adattarlo alla visione di Mosaic, che tra l'altro, al contrario di Deco, non sostituisce i meccanismi attuali di Plone di costruzione della pagina, ma li affianca: Mosaic è un behavior di Dexterity.

I cinque moschettieri (Rob, Ramon, Victor, Carles e il nostro Simone) si sono occupati dell'editor delle pagine di Mosaic, riattivando e adattando l'editor di Deco, inserito in un pattern di mockup. Il lavoro è sostanzialmente completato a livello di infrastruttura.. Sarà ora necessario definire e implementare una interfaccia che permetta all'utente di usare l'editor pienamente e con facilità.

Il sempre sorridente Asko ha lavorato allo storage dei layout, che ora possono essere applicati a livello globale oppure per content type. Inoltre i layout possono essere definiti direttamente via web, tramite l'editor di Mosaic, senza chiamare in causa lo sviluppatore. Anche in questo caso, l'infrastruttura è pronta, ma si dovrà lavorare ancora un po' per dotarla di un'interfaccia che metta l'utente in condizione di cogliere il massimo da queste nuove possibilità.

Gil, Arno e Guido hanno lavorato senza clamori ai test, ammodernando quelli già esistenti e aggiungendo quelli non ancora presenti. Grazie ragazzi, è un'attività difficile e a volte noiosa, ma fondamentale per continuare a garantire i livelli di sicurezza, stabilità e qualità che da sempre caratterizzano Plone tra i web cms open source di riferimento.

Meeting Mosai sprint

Esternalità da non perdere.

Ramon ha realizzato una trasformazione per blocks che utilizzando un data attribute nel layout rende configurabile la griglia CSS utilizzata. Questo permette di costruire il layout in modo indipendente dalla grid usata, e passare dalla griglia di bootstrap ad una qualsiasi altra è facile ed organico.

Guido, ha perseguito il suo obiettivo di avere una gestione programmatica del layout della pagina: gli elementi gestiti da Mosaic vengono restituiti secondo delle regole codificate in Python che usano configurazione e contesto per decidere il layout finale. In questo modo si possono facilmente risolvere una serie di casi in cui il layout dipende dall'utente, dal contesto, dal dispositivo su cui viene utilizzato, etc. senza dover ricorrere a lunghe pagine HTML e complicati javascript lato client.

discussing mosaic

Simone ha lavorato per consentire il riuso in Mosaic delle centinaia di portlet esistenti, opzione decisiva per l'adozione di Mosaic in tutte le installazioni Plone esistenti.

Asko, permettendo la creazione di layout via web, consente di fatto di costruire browser view via web, cosa che potrebbe tornare utile in generale.

Altre discussioni in corso...

Data la presenza di Guido, si è parlato molto di social intranet, della visione descritta dal suo libro e delle tecnologie necessarie a tradurla in casi reali.

È probabile uno sprint a fine estate per far avanzare plonesocial.suite.

Inoltre abbiamo discusso insieme a Lewis come trasformare il diagramma delle social intranet di Guido in una infografica dinamica capace di presentare la vision della roadmap tecnologica al digital workplace in modo semplice e accattivante. Vedremo come e quando implementare queste idee.

In questo ambito si è anche parlato di machine learning applicato ai cms, tenendo sullo sfondo i miglioramenti possibili sul fronte delle ricerche e dei sistemi di correlazione automatica tra contenuti, come anche i linked open data.

Grazie a...

Ramon suona organetto

Grazie a tutti i partecipanti, che portano avanti Plone giorno per giorno anche per chi non incontreranno mai.

Un importante ringraziamento va a Victor e Ramon, che hanno organizzato lo sprint e ci hanno ospitato con calore e premura.

Lo sprint si è tenuto negli uffici di UPC, dove tutti sono stati molto gentili e accoglienti. UPC ha una importante base di installazioni Plone, e partecipa alla comunità Plone in modo attivo ospitando sprint e supportando lo sviluppo di molti pacchetti, di cui Mosaic è solo l'ultimo della fila. Grazie a Javier Otero e agli altri responsabili e tecnici coinvolti! Speriamo di rivederci presto!

Infine grazie ad Abstract che ci ha permesso di partecipare, e di mantenere una relazione stabile con i nostri amici della Plone community.

In prospettiva.

In questo momento Mosaic offre le basi per un nuovo modo di costruire e gestire le pagine Plone, affiancandosi ai soliti meccanismi già presenti.
Con un po' di sforzo e qualche sprint in più il sogno di Asko dovrebbe realizzarsi, finalmente. :)

Partecipa attivamente a questa necessaria evoluzione!

Parc Guell

Panorama da Parc Guell, che ospita i mosaici da cui prende nome Mosaic.

UPDATE - lo screencast di Mosaic.

Grazie ad Asko per questo screencast che mostra lo stato dell'arte di Mosaic alla fine dello sprint:

 

Per approfondire.

Share this on

Share |

On same topics

Commenti

comments powered by Disqus