Una partnership strategica per traghettare Plone verso un approccio che mette al centro del sistema gli utenti e le loro relazioni sociali, ed aggredire il mercato delle intranet con un tool adeguato al Web 2.0

Plone Intranet Consortium: insieme per il futuro di Plone

Una partnership strategica per traghettare Plone verso un approccio che mette al centro del sistema gli utenti e le loro relazioni sociali, ed aggredire il mercato delle intranet con un tool adeguato al Web 2.0

Migliorare Plone sul fronte Intranet

Nonostante l'ingombrante presenza di opzioni come Wordpress, Joomla o Drupal, Plone continua ad essere un ottimo CMS, con una community molto attiva ed un codice robusto e sicuro.

Plone è un punto di partenza particolarmente valido per lo sviluppo di applicazioni web mirate come una intranet. Tuttavia mostra la corda quando si valutano le sue possibilità in termini di user experience, se ci confrontiamo con quello che si può sperimentare ogni giorno sui social network che hanno invaso la nostra vita.

E questo anche in contesti lavorativi come quelli delle intranet, solo apparentemente distanti dalle dinamiche del web 2.0. Le riflessioni di Guido Stevens in tale senso, nel suo “Sistemi di Intento”, sono davvero illuminanti.

Ma c’è di più: dal confronto di questi ultimi mesi, iniziato con la conferenza di Bristol nel 2014 e proseguito attraverso vari appuntamenti della community, è emerso come molte Plone Company hanno lavorato per ovviare a queste problematiche, ciascuna perseguendo la strada vincolata dai requisti imposti dai rispettivi clienti, troppo spesso senza mettere a fattor comune intuizioni e codice sviluppato.

Si tratta, come ovvio, di una strada che porta Plone in un vicolo cieco, limitando fortemente le sue possibilità di adeguamento alle mutate richieste del mercato.

Il Plone Intranet Consortium

 


In quest’ottica è nato il
Plone Intranet Consortium, formato da aziende fortemente motivate ad investire in un gruppo di lavoro dedicato, capace di progettare e realizzare le componenti che permettano a Plone di reggere, nel futuro, la concorrenza di Jive o prodotti simili.

Una delle caratteristiche di una buona community è quella di riflettere in modo costruttivo e cooperativo sulle problematiche relative ai propri temi di riferimento. Ed è proprio quello che la community di Plone ha fatto, individuando la necessità di coordinare gli sforzi necessari a garantire a Plone una giusta presenza sul mercato degli strumenti a supporto delle Intranet.

Grande attenzione alla progettazione della user experience, cicli di sviluppo Scrum-based, ripartizione degli investimenti tra le aziende partecipanti: il Consorzio ha profondamente innovato le modalità di cooperazione all’interno della community, per giungere in maniera rapida alla realizzazione di un “prodotto” out-of-the-box, dalla qualità elevata, manutenuto in maniera condivisa e di sicuro appeal commerciale: la social intranet del futuro.

Stato dell’arte e prospettive

Lo stato dell’arte nell’evoluzione dei lavori del Consorzio è ottimamente riassunto nell'articolo di Giacomo Spettoli, all’interno del quale è tracciata anche la roadmap relativa agli sviluppi futuri.

Siamo tutti in attesa trepidante del primo rilascio ufficiale.
Nel frattempo, se volete avere maggiori informazioni sulla Plone Intranet, contattateci!

Share this on

Share |

On same topics

Commenti

comments powered by Disqus