PLOG a Sorrento - 2.0

Incontrare persone con cui condividere le proprie esperienze professionali non ha prezzo; il resoconto della seconda giornata del Plog 2011

Conclusa la prima giornata del Plog, di cui abbiamo avuto un buon resoconto da parte di Maurizio, una nuova giornata densa di interessanti interventi è iniziata.

Tocca a me presentare il primo talk della giornata che riguarda collective.geo, un progetto che seguo da alcuni anni che consente di geo referenziare i contenuti di Plone e visualizzarli su una mappa (Google maps, Bing Maps, OpenStreetMaps ecc.).

Silvio Tomatis presenta invece un interessantissimo intervento che riassume quanto Plone è utile per il SEO e quali accorgimenti si devono tenere in considerazione in questo ambito.

La mattinata prosegue con un brillante talk di Matt Hamilton che ci illustra come sono strutturati i processi di sviluppo e diffusione di Plone e come questi si differenziano rispetto ai progetti software in ambito proprietario. Un particolare accento viene posto inoltre sul processo di presentazione al cliente della Soluzione Plone dove non esiste un unico fornitore ma i fornitori sono le centinaia di Plone company diffuse nel mondo.

Come ultimo intervento della giornata Bruno Ripa e Simone de Ponti presentano il progetto MAD, un concentrato di tecnologia che fornisce un sistema integrato per la redazione di certificati legati ai processi aziendali.

Dopo pranzo la discussione prosegue in giardino in maniera più informale. Ogni partecipante può presentare gli argomenti di discussione che preferisce e rilassarsi chiacchierando di tecnologia, open source e, non ultimo, Plone.

il Plog visto dal giardino

Personalmente è il momento che preferisco di questi incontri dove, un gruppo eterogeneo di persone, appassionate del proprio lavoro, si diverte chiacchierando del proprio lavoro e delle proprie esperienze in maniera informale e senza limiti di orario.

Share this on

Share |

On same topics

Commenti

comments powered by Disqus