Magento e SEO. Qui la lista di 8 consigli SEO di base per Magento utili per proprietari di negozi on line che hanno deciso di utilizzare l'ambiente e-commerce Magento.

Magento e SEO! 8 semplici consigli per il tuo e-commerce Magento

Magento e SEO. Qui la lista di 8 consigli SEO di base per Magento utili per proprietari di negozi on line che hanno deciso di utilizzare l'ambiente e-commerce Magento.

Magento e Google. Perché è importante il SEO per un e-commerce Magento.

Una corretta SEO può aumentare le vendite di un e-commerce Magento e anche la conversione; può contribuire a portare i clienti alla ricerca di un particolare prodotto o servizio. Mentre un’attività SEO fatta male, o peggio non applicata affatto, può rovinare la reputazione del vostro negozio on line e mettere l'intero negozio a repentaglio provocando penalizzazioni da parte di Google. Ecco quindi il perché molti si domandano: "come posso sapere se ho implementato una corretta SEO per il mio e-commerce Magento?".

Magento è oggi una delle piattaforme leader nell’e-commerce ed è usato da circa il 26% dei siti web e-commerce nel mondo.
E’ un meraviglioso sistema che permette al venditore di controllare ogni aspetto della propria attività attraverso il suo sistema di amministrazione. Dalla vendita, ordini, coupons alla logistica, la completa gestione delle scorte e il controllo delle affiliate. Ma, come la maggior parte dei sistemi, tutte queste grandi caratteristiche e trucchi che aiutano a gestire la piattaforma e-commerce che si è sempre sognato, possono rendere il sistema un po' complicato per un utente che lo usa per la prima volta e per questo consigliamo di avvalersi della consulenza di una Web Technology Agency con grande esperienza nel settore e-commerce e con esperti Magento in grado di gestire al meglio la configurazione e installazione di un negozio Magento.

Elenco 8 consigli base SEO per Magento.

Abbiamo messo insieme una lista di 8 consigli base SEO per Magento che aiuteranno i nuovi sviluppatori e i proprietari di negozi on line, che hanno deciso di utilizzare l'ambiente e-commerce Magento, ad adeguare il loro sito web per il mondo SEO in continua evoluzione. Seguendo queste semplici regole, sarete in grado di massimizzare il potenziale del vostro sito e ricevere attenzione dai motori di ricerca che lo troveranno.

Consiglio SEO Magento 1 - Struttura del Template o Tema Magento.

Alla base di quasi ogni sito web basato su un qualunque CMS c’è un template o tema grafico. Molte persone vedono il template solo in termini di design, ma sotto tutte le immagini ordinate e layout, si trova un grande strato di codice di base che gestisce il sistema di Magento. Se gestita in modo errato, i problemi di base della struttura del template possono causare orribili problemi SEO che saranno ingranditi con ogni pagina aggiunta al sito.

Headings.

La prima cosa da notare nella maggior parte dei templates di Magento è l'intestazione (<h1> html tag).
La maggior parte degli odierni templates usano <h1> per il logo del brand in ogni pagina. Mentre questo può essere un bene per la prima pagina, quando si tratta di pagine di categoria o pagine di prodotto, non è desiderabile che il logo venga percepito dai motori di ricerca come più importante del prodotto o la categoria che vengono visualizzati nella pagina.
Nelle pagine della categoria, il nome della categoria dovrebbe essere un <h1>, le sotto-categorie un <h2>, i nomi dei prodotti un <h3> e il logo non deve essere più di <h3>.

Nelle pagine del prodotto il nome del prodotto dovrebbe essere un <h1> e, di nuovo, il logo aziendale dovrebbe essere non più di <h3>. Inoltre, si dovrebbe cercare di ridurre al minimo l'uso di titoli non-keywords sopra <h4> e ancora meglio rendeteli <strong>.

Link interni.


Molte pagine di siti e-commerce sono irrilevanti per i motori di ricerca e sono di intralcio nella vostra volontà di avere una forte presenza
delle categorie o prodotti nelle SERP di Google. Pagine come "Carrello", "Check out", "Lista dei desideri" e simili sono utili per le operazioni da esegure sul sito web, ma gli utenti non cercheranno la vostra pagina checkout. Inoltre, lo scopo del sito non è quello di ricevere i visitatori che atterrano per la prima volta su queste pagine di servizio!

Con un buon lavoro sul template è possibile aggiungere 'rel = "nofollow"' a questi link interni al tema Magento  in modo che i motori di ricerca come Google salteranno queste pagine e non le indicizzeranno.

Consiglio SEO Magento 2 - Paginazione.

Ci sono molti casi in cui si ha la necessità di mostrare un’ampia varietà di prodotti, e però un lungo articolo o anche solo una galleria di immagini in una singola pagina possono risultare molto faticosi per il cliente. Per questo motivo, molti siti web utilizzano la paginazione. Mentre gli utenti capiscono che pagina 1 e 2 appartengono alla stessa voce (o categoria) i motori di ricerca non possono capirlo. Per un motore di ricerca ogni URL diverso è una pagina diversa.


Come per il tag canonical, esistono dei tag speciali utili per gestire sul piano SEO la paginazione del sito Magento. Questi tag speciali sono: "<link rel =" next "href =" pagina successiva "/>" e "<link rel =" prev "href =" pagina precedente "/>", dove l’attributo href punta agli URL della pagina precedente o successiva.

Così la prima pagina di una pagina di categoria avrà solo un <link rel = "next" href = "pagina 2 URL" /> in quanto non ha alcuna pagina precedente. La seconda pagina avrà entrambi i tag che puntano alle pagine 1 e 3. L'ultima pagina avrà solo "<link rel =" "href =" prev precedente pagina URL "/>", perchè non ha una pagina successiva.
Purtroppo la paginazione non è ancora inclusa nel core di Magento e sarà necessario implementarla attraverso i plugins o editando il template.

Consiglio SEO Magento 3 - Tag Canonical nelle pagine categoria.

La cosa migliore per una buona conversion sul negozio on line è sempre fare in modo che i clienti che atterrano per la prima volta sul sito e-commerce siano in grado di trovare il prodotto che stanno cercando il più rapidamente possibile. Per questa ragione vanno messi i filtri nelle categorie. Magento però gestisce i filtri aggiungendo una stringa all’indirizzo della categoria.

Per ogni singola categoria ci possono quindi essere tante pagine uguali - con però  indirizzi URL leggermente differenti - quanti sono i filtri applicati più la stessa categoria principale. Se i filtri possono funzionare per i clienti che vogliono una particolare variazione di quel prodotto non si può dire lo stesso per i motori di ricerca che vedranno la stessa pagina categoria replicata n volte!

Un modo pratico e intelligente per far sapere a Google che l’indirizzo della pagina di ogni singola categoria è uno soltanto e che va indicizzato solo quello è usare Il tag canonical:

<link rel ="canonical "href ="mionegozio-online.it/categoria "/>

dove l’attributo href punta alla versione di default che si desidera Google usi quando ci si riferisce a quella pagina.

Ma come si fa ad implementare questo tag canonical nelle pagine categoria di Magento?

Nelle ultime versioni di Magento la feature automatic-canonical è incorporata nel core del sistema e ci si può accedere tramite: "Sistema -> Configurazione -> Catalogo - > Search Engine Optimization". Qui, si attivano “Use Canonical link meta tag for categories” e “Use Canonical meta tag for products”.

Consiglio SEO Magento 4 - Rich Snippet.

Negli ultimi anni, i motori di ricerca stanno subendo una grande rivoluzione. Google e gli altri motori di ricerca non si basano più solo strettamente sulle parole chiave. Adesso cercano di capire le intenzioni dell’utente.

Quando un utente cerca su Google “occhiali da nerd”, il motore di ricerca non cercherà solo le pagine che menzionano la keyword  "occhiali da nerd", ma cercherà di scoprire ciò che l'utente sta veramente cercando di trovare quando utilizza questo termine. L'utente sta cercando di trovare informazioni sugli occhiali da nerd? Come sceglierne un paio o sta cercando un’opinione su diversi modelli da Nerd? Sta cercando di comprarli?

Per fare questo lavoro, i motori di ricerca hanno bisogno di capire di che cosa trattano le pagine che indicizzano. Hanno bisogno di sapere quali marche o prodotti menzionano e in quale contesto, se ci sono opzioni di vendita sulla pagina e quali sono. Anche ciò che è scritto su una specifica azienda o prodotto su un altro sito, in modo che possano targetizzare più precisamente quel prodotto per una specifica nicchia.

Cosa sono le Rich Snippet?

Per rendere possibile questo cambiamento, tutte le grandi search companies (Google, Microsoft e Yahoo) hanno concordato un formato denominato "Rich Snippets". Questo formato viene utilizzato come un’estensione del normale codice HTML nella tua pagina e aggiunge informazioni descrittive in modo che i motori di ricerca possono dare un senso degli oggetti e del testo nella pagina. Le Rich snippets possono descrivere quasi tutto! Da una gioielleria a un'applicazione software e le loro capacità sono estese ogni giorno da schema.org, il corpo che è stato stabilito per organizzare le Rich Snippets.

Rich Snippet ed E-Commerce.

Per i propositi dell’e-commerce, e quindi per Magento, le Rich Snippet offrono molti vantaggi. Tanto per cominciare, Rich Snippet fanno sapere ai motori di ricerca qual’è il vostro brand e quali prodotti vendete, così ogni volta che il vostro brand o prodotti sono menzionati nel web, i motori di ricerca sanno come collegare quella menzione a voi! Sanno anche aggregare le review e gli score (star-rating) dei vostri prodotti e li mostrano nella pagina dei risultati di ricerca per aumentare CTR e reputazione.

Allo stato attuale Magento non supporta nativamente le rich snippet, il che significa che sarà necessario o modificare il template per supportarle (la guida tecnica è disponibile all'indirizzo schema.org) o utilizzare una delle numerose estensioni rich snippet attualmente disponibili attraverso il Marketplace di Magento.

Prima di aggiungere le Rich Snippet al vostro sito web assicuratevi di visitare Schema.org e trovare le esatte snippet che avete bisogno di implementare. L'implementazione di base per un sito di e-commerce dovrebbe essere fatta di: Organization-Type (può essere anche il tipo preciso di negozio se disponibile), Prodotto, Offerta, Punti di contatto e breadcrumbs.

Consiglio SEO Magento 5  - Sitemap XML.

Le sitemap XML sono vecchie quasi quanto il web. Sono realizzate appositamente per i motori di ricerca, per fornigli un documento, che è appunto in formato XML, dove possono indicizzare tutte le diverse pagine di un sito e capire la sua gerarchia. Magento supporta la generazione delle sitemap XML dal suo interno, quindi tutto quello che dovete fare è andare a "Catalog -> Google Sitemap -> Add Sitemap", scegliere un file name, path e view, quindi premere solo "Save & Generate" per avere la vostra sitemap XML.

Una volta generata la Sitemap XML si deve poi informare Google della sua esistenza tramite robots.txt e Google Webmater Tools.

Consiglio SEO Magento 6 - Nome categoria nella URL del prodotto? Sì o No?

Molti prodotti hanno la tendenza a far parte di molte categorie in un sito web. Per esempio: un sandalo piano da donna può appartenere a sandali, sandali piani, sandali femminli e ad una specifica marca. Per impostazione predefinita, Magento consente agli utenti di accedere a questo prodotto attraverso tutte le diverse categorie, con conseguenti molteplici URL per lo stesso prodotto, ognuna attraverso una diversa categoria (mionegozio.it/categoria1/prodotto1 oppure mionegozio.it/notamarca/prodotto1 etc... ).

Questa caratteristica di Magento crea nel vostro sito tanti diversi URL con lo stesso contenuto, mentre in realtà questi URL stanno tutti descrivendo lo stesso prodotto. I motori di ricerca non sono però in grado di capire il fatto che tutte le URL sono la stessa identica pagina dal punto di vista del contenuto e quindi vedono tutte le “diverse” pagine come contenuti duplicati. Questo effetto collaterale è molto negativo per il vostro sito e-commerce e può causare problemi di ranking per la pagina, in quanto ci sono molte pagine con lo stesso testo in competizione per i posti dallo stesso sito. Si può arrivare anche ad una penalty per i contenuti duplicati (penalty dell’algoritmo di Google - Panda, ad esempio).

Per affrontare questo problema molti proprietari di siti web provano a utilizzare il tag canonical. Anche se questo è un possibile modo per aggirare il problema, il tag canonical è ancora visto solo come una semplice raccomandazione per i motori di ricerca e vi potete trovare ancora con molte versioni dello stesso prodotto indicizzate sotto il vostro sito.
Fortunatamente per noi, Magento ha incorporato una soluzione per questo problema nel suo core. Basta andare su "Sistema -> Configuration -> Catalog -> Search Engine Optimization" e disattivare "Use Categories Path for Product URLs". Questo dirà a Magento di non creare percorsi diversi per ciascun prodotto, ma mostrare il prodotto solo sotto il domain name in modo che i prodotti saranno ancora disponibili in ogni categoria, ma la pagina del prodotto stesso sarà tenuta solo su  "mionegozio.it/prodotto1 " risolvendo così il problema dei contenuti duplicati.

Va detto che questa è comunque una soluzione abbastanza radicale, perché eliminare il nome della categoria dal path dell’URL del prodotto depotenzia in parte la SEO sul piano della keyword presente nella URL. Questo però è un ragionamento più avanzato rispetto ai consigli SEO Magento di base che stiamo elencando qui.

Consiglio SEO Magento 7 - Meta tag robots - index / noindex?

Come spiegato in precedenza, ci sono molte pagine quali carrello, cassa, lista dei desideri, che non vogliamo vengano indicizzate dai motori di ricerca. Anche se la correzione del template può aiutare a prevenire che i bot dei motori di ricerca raggiungano quelle pagine, c'è ancora una possibilità che appaia un link e che quelle pagine vengano indicizzate.

Per evitare l'indicizzazione di una pagina su Google è meglio aggiungere il seguente tag all’header della pagina:

<meta name=”robots” content=”NoIndex, Follow” />

Come si può vedere la parte dei contenuti è costituita da due componenti: NoIndex e NoFollow. La componente NoIndex dice ai bot dei motori di ricerca di non indicizzare la pagina, d'altra parte se si desidera che la pagina venga indicizzata basta cambiarlo in "Index".
La componente Follow dice ai robot di seguire i link che vedono nella pagina, questo viene mantenuto così per aiutare i robot di Google a scoprire nuove pagine o contenuti aggiornati nel tuo sito. Se non si desidera che i robot dei motori di ricerca seguano alcun link di quella pagina, basta modificare questo componente in "NoFollow".

Magento non supporta la definizione in modo selettivo, pagina per pagina, del meta tag robots, e quindi ciò va fatto manualmente oppure in modo più pratico tramite un’estenzione.

Consiglio SEO Magento 8  - Caricamento veloce dell’e-commerce Magento.

Magento è un sistema molto grande e con molte caratteristiche, ma queste lo rendono anche un sistema molto pesante che deve essere gestito e ottimizzato correttamente in modo che possa mantenere la sua velocità per gli utenti. La velocità di un sito è un fattore critico per molte ragioni: i bot di Google hanno un tempo limitato per scansire il vostro sito, perciò ogni secondo in più che le vostre pagine impiegano per caricarsi, è una pagina in meno che i motori di ricerca vedranno. La velocità del sito Magento è diventata anche un'importante fattore di ranking per i principali motori di ricerca oggi, quindi se il vostro sito è lento rispetto ai vostri concorrenti, ciò danneggerà il vostro ranking su Google. Per non parlare poi del fattore più importante e cioè gli utenti, in quanto la velocità di internet aumenta ogni anno e gli utenti sono ormai abitati ai siti che si caricano rapidamente. Se lascerete gli utenti aspettare troppo, i vostri concorrenti saranno ben felici e Google registrerà anche un rimbalzo elevato sul vostro sito e questo danneggerà ulteriormente il ranking del vostro negozio on line.


Ci sono alcuni semplici “trucchi” che si possono utilizzare per far caricare Magento più velocemente:

  • Tutti i CSS e Javascript devono rimanere esterni - questo accorgimento manterrà pulito il template e farà in modo che browser e motori di ricerca possano memorizzare nella cache le pagine per farle caricare immediatamente dopo la prima volta.
  • Abilitare caching - Andare su “System -> Cache Management” e attivare tutte le funzionalità di caching.
  • Configurare MySQL server caching - Attraverso l’installazione del server MySql impostare un "query_cache_size" per una porzione della RAM disponibile (64 MB dovrebbero essere sufficienti). Magento è un'applicazione di database, e come tale, fa molte sql query ripetute al server. Tali richieste possono essere memorizzate nella cache e riutilizzate ogni volta che la pagina viene caricata con conseguente 100% -1000% di miglioramento in termini di prestazioni.
  • Ridurre le richieste HTTP combinando diversi file JS e CSS insieme in un file.
  • Mettere CSS sopra i file javascript nel vostro template per consentire un loading migliore.
  • Minimizzare JS e CSS per renderli file di dimensioni più piccole.
  • Configurare il server per comprimere i file con GZip per rendere i vostri file ancora più piccoli.

Share this on

Share |

On same topics

Commenti

comments powered by Disqus