Esci dalla Scatola! Come costruire un sistema di e-Commerce che non sia un semplice catalogo online

Con Plone e Django insieme possiamo avere il miglior CMS open source integrato ad applicazioni web avanzate e moderne, senza dover chiedere scusa a funzionalità e prestazioni.

Seguo da tempo progetti ad "alta concentrazione di contenuti".

Normalmente con Plone, quando ci sediamo al tavolo col cliente, non ho problemi a risolvere una serie di richieste a cui si sta cercando una soluzione:

Cliente richiede Plone

cliente: I miei contenuti sono complessi e correlati tra loro!
io: Nessun problema, Plone lo fa :)

cliente: Sui miei contenuti ho bisogno di scatenare dei workflow per definire il ciclo di vita dei documenti!

io: Nessun problema, Plone lo fa :)

cliente: Voglio aree ad accesso diversificato, e chi entra nella prima non deve sapere nemmeno che le altre esistono!
io: Nessun problema, Plone lo fa :)

cliente: gli utenti sono in un paio di Active Directory che ho in rete, ma ho anche bisogno di qualche utente "extra"!
io: Nessun problema, Plone lo fa :)

Insomma.. se le problematiche sono inerenti i contenuti, la mia risposta è sempre "nessun problema, Plone lo fa :)", tanto sono certo che Plone dispone della flessibilità e robustezza necessarie a costruire rapidamente e in modo efficace quel che viene chiesto.

Cosa non fa Plone?

Nonostante tutto, Plone è un Web CMS, e alcune cose le fa solo a fatica, mentre altre non le fa proprio.. una su tutte: e-Commerce.

Plone è un CMS, non un'applicazione web generica

La mia risposta storica a questo tipo di richiesta non poteva essere che "abbiamo qualche problema, Plone non lo fa :(".

Tutte le estensioni utili a trasformare Plone in un e-commerce sono in qualche modo non all'altezza del compito, e in generale si ha bisogno di troppo lavoro per portarle a fare quel che il cliente chiede in un classico sistema di commercio elettronico.

Oltre a questo, arrivati all'eventuale soluzione finale, si paga lo scotto di fare e-commerce usando come motore un Web CMS: il sistema è normalmente più "lento" di quel che si potrebbe.

Una risposta va trovata!

Accettati i limiti di Plone dal punto di vista applicativo, resta la richiesta piuttosto cronica di risolvere una tale chimera, e alla fine ci siamo attrezzati per rispondere con nostra buona soddisfazione!

Ecco la risposta: unire Plone e Django!

cliente: voglio un sistema di e-commerce, ma non voglio limitarmi a un catalogo online! devo avere il supporto di un vero Web CMS per le mie vetrine!
io: Nessun problema, CCC lo fa! :)

Commerce + Community + CMS

CCC è il brutto acronimo che mi sono inventato per dare nome al progetto su cui lavoriamo da qualche mese qui in Abstract: Commerce + Community + Cms.

Di fatto, leggi CCC, ma implementi un sistema Plone + Django :)

Come nei migliori spot, vogliamo il meglio della tecnologia Python per le web application di alto livello, ma senza rinunciare alla potenza e versatilità di Plone nella gestione dei contenuti.

Panoramica generale sull'architettura CCC

Architettura di CCC

Le richieste vengono servite da pipeline WSGI, dove XDV si preoccupa di fornire il look & feel comune, applicando il tema statico definito per l'applicazione.

Django fornisce le funzioni di e-Commerce mediante il pacchetto Satchmo, debitamente configurato e verticalizzato con le estensioni necessarie.

Allo stesso tempo Django fornisce le funzioni di Community, implementate a partire dai pacchetti Pinax secondo le richieste del cliente.

Plone consente invece ai power-user di gestire i contenuti delle vetrine dello shop, ma anche delle sezioni documentali come il "chi siamo" o le news, fino ai singoli snippet del footer, dei box laterali o delle landing page.

    In una prossima puntata vi forniremo qualche dettaglio ulteriore sui vari aspetti dell'integrazione, intanto, per vedere questo connubio in azione, collegatevi su www.rgmania.com (vedi la nostra scheda) e fatevi un giro.. :)

    Share this on

    Share |

    On same topics

    Commenti

    comments powered by Disqus