Contenuti di Qualità in Plone con Link Checker

Per costruire un sito di qualità è necessario evitare link rotti nelle pagine del proprio portale, vediamo come aiutare gli editor a fare il proprio lavoro al meglio.

Vi è mai capitato di trovare una pagina web molto interessante, che sul più bello, nel momento di saltare alla risorsa che promette di risolvere i vostri problemi, vi tradisce con un bel link verso pagina inestistente?

Se avete vissuto una tale esperienza, sapete quanto possa essere deludente, e quanto sia importante che i responsabili dei contenuti pubblicati da qualsiasi sito garantiscano un'alta qualità delle pagine che curano.

Come fare? Per i link interni molti di questi problemi ce li risolve Plone con i suoi automatismi, tuttavia mantenere un controllo costante sui link che puntano a risorse esterne può essere molto difficile.

LinkChecker

Qui entra in gioco LinkChecker, un'estensione Open Source per Plone realizzata da Gocept capace di evidenziare tutti i link rotti presenti nelle pagine, verso l'interno e verso l'esterno del sito.

Gli editor hanno diversi modi per controllare lo stato di salute dei propri link. Il più semplice: i link rotti presenti nella pagina in cui ci si trova vengono evidenziati in un portlet di servizio, in modo che siano subito evidenti.

LinkChecker in azione sulla pagina

Oltre ai link rotti, LinkChecker è anche in grado di mostrare i link verso la risorsa che si sta visitando da parte di altre pagine del portale: la pagina "Benvenuto in Plone" è linkata dalla pagina dal titolo "Pagina".

Per controllare lo stato di salute generale di tutti i link di una pagina, si può fare clic sul tab contestuale "Links", per ottenere una panoramica completa di tutti i link presenti nella pagina, con il loro stato corrente:

Tab contestuale Links

Gli stati gestiti da LinkChecker sono i seguenti:

  • grigio - protocollo sconosciuto
  • blu - protocollo non supportato
  • verde - link funzionante
  • arancio - link temporaneamente non disponibile
  • rosso - link rotto

Una comoda interfaccia di gestione per gli editor si attiva dal menu personale:

Menu my links

facendo clic su "My links" si accede alla lista di tutti i link rotti o problematici presenti nei contenuti sotto il proprio controllo diretto, con la possibilità di saltare direttamente alla pagina che li contiene per poterli correggere rapidamente.

I miei link rotti

Il manager del portale può mantenere una supervisione complessiva sullo stato di salute dei contenuti tramite un pannello di controllo speciale, da cui verificare quanti sono i link che non funzionano:

Pannello controllo link

dal pannello di controllo è inoltre possibile accedere alla lista di quali sono nel dettaglio, e addirittura correggerli senza nemmeno dover visitare le pagine che li contengono!

Tutti i link rotti

Come Funziona LinkChecker

Il prodotto LinkChecker è la parte client che vive in Plone, e che delega il controllo dei link vero e proprio al server LMS, appositamente realizzato da Gocept con tecnologia Grok.

LMS ready

In breve, LinkChecker invia ad LMS ogni link che viene inserito nelle pagine Plone, e gli assegna lo stato che LMS gli comunica in base ai suoi controlli. Il server LMS è in grado di servire in maniera efficiente grosse moli di link da verificare con richieste generate da molteplici siti, non necessariamente gestiti con Plone.

Qualche nota a piè di pagina

Il prodotto LinkChecker è rilasciato per Plone versione 3, ma nel repository del codice sorgente troverete anche un branch per Plone 4, che è quello che ho usato per i nostri test, dopo aver fixato un paio di stupidi errori riscontrati nei template ZPT.

LinkChecker è implementato con tecnologia di qualche anno fa, ma volendo affrontare un porting a tecnologie più recenti, non sembra affatto complesso.

LMS dal canto suo è implementato con una sua architettura piuttosto peculiare, ma che abbiamo valutato robusta e ben realizzata, oltre che non troppo difficile da prendere in mano.

Nota implementativa: la versione di Grok utilizzata richiede l'uso di Python 2.5!

Share this on

Share |

On same topics

Commenti

comments powered by Disqus