Analizzare il processo di migrazione da una vecchia versione di Magento alla 2 è fondamentale per evitare di imbattersi in problemi più o meno insormontabili.

Come migrare da Magento 1.x a Magento 2 in 7 passi

Analizzare il processo di migrazione da una vecchia versione di Magento alla 2 è fondamentale per evitare di imbattersi in problemi più o meno insormontabili.

A novembre dello scorso anno è stata ufficialmente rilasciata la versione 2 di Magento: non una semplice evoluzione della precedente versione 1.9 ma una nuova piattaforma, con una architettura ottimizzata per essere più veloce ed orientata all’esperienza utente.

Per chi sta pensando di aprire un nuovo store basato su Magento, la nuova versione potrebbe essere la scelta migliore (compatibilmente con la complessità del progetto). Chi ha già uno store avviato da tempo potrebbe invece avere qualche dubbio circa la scelta di migrare verso la nuova piattaforma.

In questo articolo vedremo brevemente il processo di migrazione a Magento 2 sottolineando gli aspetti importanti da tenere in considerazione nella fase di valutazione.

Considerazioni necessarie prima della migrazione

E’ veramente necessario l’aggiornamento alla nuova versione? I benefici derivanti da questo aggiornamento sono tali da giustificare l’investimento? Ovviamente non esiste una sola risposta a queste domande.

Da quanto tempo è online il vostro store?

Se lo store è stato avviato da poco tempo, oppure se ha ancora un basso volume di traffico, migrare alla nuova versione in questo momento potrebbe essere la soluzione ottimale, perché l’effort necessario per la migrazione sarebbe minore ed i nuovi sviluppi evolutivi sarebbero implementati poi direttamente sulla nuova piattaforma.

Siete soddisfatti del funzionamento e delle performance del vostro store?

In tal caso non è “urgente” migrare alla nuova versione. Ovviamente nuove funzionalità ed ottimizzazioni varie saranno rilasciate soltanto sulla nuova versione, ma comunque per i prossimi 3 anni è garantito il supporto alla precedente versione, che consiste nel rilascio di minor release con fix di sicurezza e/o funzionali.

Il tema utilizzato dal vostro store è disponibile per Magento 2?

Essendo stato rilasciato da pochi mesi, nel momento in cui scriviamo sono pochi i temi che sono stati aggiornati e resi disponibili anche per la nuova versione di Magento. L’assenza di un tema aggiornato comporterebbe il dover scegliere un nuovo tema e rifare tutto il lavoro sul frontend. Il che però potrebbe anche essere interessante per qualcuno che decidesse di “approfittare” della migrazione per effettuare un restyling della grafica dello store.

Le estensioni utilizzate dal vostro store sono disponibili per Magento 2?

Vale quanto detto per il tema. Gli sviluppatori della community sono a lavoro per riscrivere le loro estensioni affinché siano compatibili con la nuova versione. Tuttavia al momento solo alcune di queste sono già disponibili nell’apposita sezione di Magento Connect, il marketplace delle estensioni.

Sul vostro store sono stati fatti degli sviluppi custom?

Oltre ai moduli di terze parti acquistati ed installati, sul vostro store potrebbero esserci delle estensioni implementate appositamente per le vostre esigenze. Per queste estensioni sarà necessario riscriverle per renderle compatibili con Magento 2, dove l’architettura della piattaforma è profondamente cambiata.

Il server su cui è ospitato il vostro store rispetta già i requisiti minimi di Magento 2?

La nuova versione ha dei requisiti di sistema differenti dalla precedente. Vanno quindi verificate le componenti software installate e le loro rispettive versioni, per assicurarsi di rispondere ai requisiti minimi richiesti, altrimenti sarà necessario riconfigurare il server o prenderne un altro.

Piano di migrazione a Magento 2

Se avete considerato tutti i pro e contro di un aggiornamento alla nuova versione ed avete deciso di effettuare la migrazione, vediamo quali sono i passi principali necessari a portare a termine questo processo:

  1. Revisione store Magento 1: accertatevi che il tema e le estensioni installate sul vostro store siano disponibili per la nuova versione, qualora non lo fossero è necessario un lavoro di riscrittura di queste prima di procedere.
  2. Verifica infrastruttura: verificate con il vostro hosting se il server rispetta i requisiti minimi richiesti. E’ buona norma accertarsi anche che ci siano le condizioni necessarie affinché il sito resti funzionante anche al crescere del traffico.
  3. Creazione nuovo store Magento 2: create il nuovo store sul server predisposto, procedete quindi con l’installazione e le personalizzazioni del tema e con l’installazione di tutte le estensioni necessarie.
  4. Migrazione dei dati: installate il Migration Tool e procedete come segue:
    1. Fermate i crontab e qualsiasi attività sul backend dello store 1 (a meno che non stiate lavorando su una copia di produzione).
    2. Spostate fisicamente tutti i file multimediali contenuti nella media.
    3. Utilizzate il Migration Tool per trasferire le impostazioni generali.
    4. Utilizzate il Migration Tool per trasferire i dati restanti. Le strutture dei database sono differenti ed è per questo che il tool lavora con una mappa dei campi che può essere modificata per la migrazione di campi o tabelle custom.
    5. Al termine reindicizzate tutti gli indici della nuova versione.
  5. Test funzionali: dovete condurre tutti i test possibili sulla nuova installazione, facendo un confronto con quella in produzione quantomeno degli aspetti principali (navigazione, registrazione, acquisto, gestione catalogo, promozioni, etc.)
  6. Allineamento: quando tutto è pronto ripetete il punto 4 per l’allineamento dei dati mancanti, in quanto il Migration Tool permette di eseguire degli aggiornamenti incrementali andando ad allineare le sole informazioni non ancora migrate (es. nuovi clienti, nuovi ordini, giacenza dei prodotti, etc.)
  7. Go live: impostate il vostro store Magento 1 in modalità manutenzione, attivate i crontab del nuovo store Magento 2 e procedete a riconfigurare il virtual host (se la nuova installazione è sullo stesso server) oppure a riconfigurare i DNS (se la nuova installazione è su un nuovo server) attendendo poi la propagazione di questi.


Questi qui riassunti sono i passi principali da seguire, meglio schematizzati nel dettaglio da questo diagramma, ripreso dalla documentazione tecnica di Magento:


Avete bisogno di aiuto?

Contattate il nostro team di sviluppatori certificati per un preventivo gratuito in base alle esigenze del vostro store.

Share this on

Share |

On same topics

Commenti

comments powered by Disqus